I dati Inail relativi al 2018 e ai primi mesi 2019 fotografano un aumento degli infortuni mortali sui luoghi di lavoro del 6% rispetto al 2017, per un totale di 1218 casi registrati. Un trend negativo che C.E.Ve. Venezia Formazione & Sicurezza (Ente bilaterale costituito da ANCE Venezia e CGIL-CISL-UIL) e ULSS 3 SERENISSIMA sono determinati ad invertire attraverso corsi di formazione intensivi che affiancano per la prima volta a un approccio puramente teorico lezioni pratiche immersive realizzate attraverso la realtà virtuale. A H-FARM, la piattaforma di innovazione leader in Europa, è stato affidato il compito di realizzare il progetto che andrà a integrare il percorso formativo previsto per legge e che si rivolge ai lavoratori esposti a rischi lavorativi rilevanti.

Sfruttando la tecnologia della realtà virtuale, H-FARM si occuperà dello sviluppo di simulatori che rappresentano alcuni degli scenari più ad alto rischio e caratterizzati da alta incidentalità. Attraverso i visori gli operai verranno totalmente immersi in alcuni dei cantieri più pericolosi, ma in totale sicurezza: a questo punto potranno mettere alla prova le loro competenze, svolgere tutte le mansioni che saranno poi chiamati a realizzare concretamente e potranno così imparare a operare in situazioni complesse e gestire eventuali criticità senza correre alcun rischio.

Nello specifico la formazione “virtuale” riguarderà tre situazioni specifiche che verranno replicate dai simulatori: cantieri in quota sulle falde del tetto, il montaggio e lo smontaggio di ponteggi e l’attività di bonifica dei materiali contenenti amianto.

Il progetto, destinato alla formazione e prevenzione di tutti i lavoratori e figure preposte alla sicurezza nei cantieri, è stato finanziato da ULSS 3 SERENISSIMA e C.E.Ve. Venezia: si stima che a partire da settembre 2020 saranno circa alcune migliaia gli operai, manager e dirigenti che si troveranno a studiare attraverso la realtà virtuale. L’idea è poi di portare il progetto anche nelle scuole, per sensibilizzare e avvicinare gli studenti ai tema della sicurezza e della formazione nei cantieri.

“Applicare le tecnologie di realtà virtuale per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro rappresenta un esempio concreto di come la digitalizzazione possa giocare un ruolo centrale nel fornire nuovi strumenti in tutti gli ambiti professionali, non solo in quelli percepiti come più futuristici. Siamo orgogliosi di poter lavorare a un progetto così importante che mira ad arginare attraverso la formazione un fenomeno come quello degli incidenti sul lavoro così tristemente diffuso,” ha dichiarato Guido Polcan, di “Strategy&Innovation Culture” di H-FARM.

“La nostra battaglia contro gli infortuni sul lavoro – spiega l’Ing. Cristiano Perale, presidente C.E.Ve. – necessita di un cambiamento anche di approccio. Questo progetto si avvale delle opportunità messe a disposizione dalle nuove tecnologie e permette di fare formazione in maniera coinvolgente, innovativa ed efficace. La cultura della sicurezza non può prescindere dai tradizionali corsi, ma permettere ai professionisti di avvalersi di nuovi strumenti e di confrontarsi con situazioni reali, anche se frutto di realtà virtuale, consente una presa di coscienza, un’attenzione e un’esperienza difficilmente replicabili in altri modi. Noi simuliamo interventi di lavoro con potenziali situazioni critiche e gli addetti possono prepararsi per gestire e risolvere in maniera corretta condizioni di rischio”.

https://storiedieccellenza.it/a-venezia-il-piu-innovativo-progetto-di-formazione-per-i-professionisti-delledilizia/

Realtà Virtuale

  1. Realtà Virtuale per insegnare la sicurezza nei cantieri
  2. C'è il simulatore sulla sicurezza sul lavoro
 
 
 
 
 

powered by YoYo comunicazione