Continua la gara di solidarietà per la ricostruzione dopo il sisma del 20 e 29 maggio 2012: il mondo delle costruttori e dell’edilizia dona alla Regione 1 milione e 66 mila euro.

Oggi a Bologna i vertici nazionali di Cnce (Commissione Nazionale Casse Edili), Formedil (Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale nell’edilizia) e Cncpt (network della sicurezza in edilizia) hanno consegnato agli assessori della Regione Emilia Romagna Luciano Vecchi (Attività produttive) e Paola Gazzolo (protezione civile), i fondi raccolti destinati alla realizzazione di due microresidenze per anziani nell’area colpita dal Terremoto.

I due edifici verranno costruiti da imprese di costruzione selezionate dal Sistema Bilaterale delle Costruzioni sulla base di un progetto fornito dalla Regione ai comuni di Concordia sulla Secchia e di Camposanto.

“Dopo il drammatico evento che ha colpito l’Emilia Romagna nel 2012 – ha sottolineato Massimo Calzoni, presidente del Formedil – la rete degli  enti che fanno parte del Sistema Bilaterale delle Costruzioni (Casse edili, Scuole edili e Comitati per la sicurezza) si è immediatamente attivata per dare un concreto aiuto, sia operativo che attraverso la raccolta di fondi, in grado di contribuire ad alleviare il disagio delle popolazioni, così come a consentire una ricostruzione funzionale alle esigenze dei territori. Abbiamo così raccolto risorse per un milione di euro che oggi mettiamo a disposizione della Regione Emilia Romagna che ci ha proposto – e noi abbiamo convenuto – di utilizzare per completare il progetto “Casa Insieme”. Costruiremo due residenze per anziani secondo le più avanzate metodologie di inclusione sociale, in qualità, trasformando in questo modo l’impegno finanziario anche in un modello del costruire.”

La fima dell'assegno di solidarietà del SBC per i comuni colpiti dal sisma

La fima dell’assegno di solidarietà del SBC per i comuni colpiti dal sisma

Per il vicepresidente dell’ente, Enzo Pelle, la consegna del milione costituisce un segno tangibile della solidarietà del sistema italiano delle costruzioni nei confronti di una regione colpita duramente dal terremoto. “Si tratta di un contributo che è il frutto di una partecipazione diffusa e che ha visto protagonisti lavoratori e imprenditori uniti nella consapevolezza dell’importanza di sostenere  chi è stato colpito dalla sfortuna. il nostro auspicio è che questo finanziamento possa contribuire sia a migliorare la qualità della vita di alcune persone, sia a consentire un rinnovato ottimismo per il futuro.”

 
 
 
 
 

powered by YoYo comunicazione