manifesto2014

E' di Cosenza il gruista dell'anno di SAIE 2014

Il Gruista dell’anno, gara di abilità, professionalità e sicurezza riservata a conduttori di Gru a torre, quest’anno si è concluso a Bologna il 24 Ottobre nell’ambito del SAIE, la principale fiera italiana dell’edilizia che festeggia il suo 50°.

E’ Carlo Rocca, 37 anni, di Cosenza selezionato dalla locale scuola edile, il Gruista dell’anno 2014, che in finale a Bologna,  ha battuto il vincitore delle ultime due edizioni, Felice Lorizzo, originario di Bari, ma residente a Pisa.
Una gara avvincente decisa sul filo dei secondi, perché il tempo oggi nel costruire è importante come la sicurezza e l’abilità a gestire leve e pesi. Nell’ampia area 48 della Fiera di Bologna, per la prima volta al SAIE, la gara nazionale del Gruista ha confermato la grande qualità professionale della mano d’opera specializzata italiana del costruire. Come ha sottolineato Enzo Pelle, vice presidente del Formedil, l’ente nazionale di coordinamento delle 103 Scuole edili appartenenti al Sistema Bilaterale delle Costruzioni, “il nostro è un settore di grande qualità alla cui base vi è una formazione continua e altamente professionalizzata. Il gruista dell’anno, come l’Ediltrophy, la cui finale si terrà sempre qui al SAIE domani mattina, sono testimonianze efficaci di questo sistema formativo.” Nel triennio 2012-2014 – come ha ricordato il direttore del Formedil, Giovanni Carapella – hanno frequentato i corsi di formazione del nostro sistema ben 50.000 tra gruisti e conduttori di macchine.”

Alla finale hanno partecipato i 12 gruisti selezionati nella preselezione nazionale svolta a Piacenza il 26 e 27 settembre. Complessivamente hanno parteciperanno un centinaio di addetti del settore, sia italiani che stranieri.

Giunta alla sua quinta edizione, la manifestazione, promossa dal Formedil, l’Ente nazionale di coordinamento del sistema bilaterale per la formazione e l’addestramento professionale in edilizia, con il supporto di BolognaFiere, ha la finalità di valorizzare le competenze e le professionalità di maestranze specializzate in un ambito del processo di costruzione particolarmente sensibile sul piano dell’aggiornamento e della sicurezza.

Il gruista dell’anno costituisce altresì l’occasione per far conoscere l’attività di formazione  erogata dalle Scuole edili del Sistema Bilaterale delle Costruzioni ai macchinisti attarverso i corsi di MICS Abilitazioni macchine e attrezzature, facente parte del progetto strutturale “16ore MICS”, destinato a fornire una formazione di base a coloro che entrano nel mercato del lavoro edile e a migliorare le competenze professionali dei lavoratori già in attività. Un progetto che ha assunto una grande rilevanza a seguito della pubblicazione dell’accordo Stato Regioni del febbraio 2012, che lo ha riconosciuto come prassi di valore.

“Il valore di manifestazioni come il Gruista dell’anno – ha sottolineato il Presidente del Formedil Massimo Calzoni va individuato nell’importanza di far conoscere un settore, quello delle costruzioni, troppo spesso descritto come residuale, caratterizzato da una bassa professionalità e dove non sono richieste particolari competenze tecniche. Viceversa sempre più l’edilizia esige professionalità e un aggiornamento che in alcuni ambiti, come la conduzione delle macchine in generale e delle gru in particolare, necessita di una formazione continua e di una crescita costante oltre ad abilità che si sviluppano con l’esperienza. La scelta di portare quest’anno al SAIE la finale nazionale va nella direzione di una sinergia essenziale anche nel nostro settore tra tutti gli attori che si riconoscono e operano nelle costruzioni. Il momento di grande difficoltà che stiamo vivendo richiede uno sforzo comune e soprattutto un impegno di tutti a favore di una crescita culturale e di una sensibilizzazione verso una formazione concreta, non di facciata o burocratica, la sola che può garantire qualità nella realizzazione delle opere e quella sicurezza troppo spesso anch’essa fondata su pratiche amministrative più che sulla consapevolezza dei rischi. Con il progetto “16ore Mics” il sistema bilaterale delle scuole coordinato dal Formedil ha voluto ribadire concretamente, attraverso un’attività capillare sul territorio, questi principi e questi valori. Principi e valori che porteremo ad Ottobre a Bologna.”

La competizione, in partnership con Federcostruzioni (Federazione di Confindustria che rappresenta a livello nazionale le componenti del mondo delle costruzioni), e con Anima-UCOMESA (l’organizzazione che in seno alla Confindustria rappresenta le aziende della meccanica e in particolare le macchine edili), verrà realizzata grazie alla collaborazione di due aziende, la FM Gru e la OMV, che metteranno a disposizione i macchinari sui quali i concorrenti misureranno le loro capacità.

www.gruistadellanno.it

Scarica la rassegna stampa

 

 
 
 
 
 

powered by YoYo comunicazione