Il comparto del recupero dell’edilizia storica, protetta e non, ha assunto un peso rilevante in tutta Europa, divenendo campo di intervento privilegiato per la piccola e media impresa. La manutenzione diventa obiettivo strategico nella conservazione dei beni culturali e una concreta opportunità per creare nuovi mercati e nuova occupazione per l’industria edilizia.

L’intervento sul patrimonio edilizio esistente esige qualità e specializzazione professionale nell’impresa e sul cantiere.?E’ per questo che assumono centralità gli interventi di formazione sulle figure chiave del processo: primo fra tutti il capocantiere, cui compete materialmente la gestione del cantiere di restauro.?E’ a partire da queste considerazioni che il Formedil ha elaborato un programma innovativo di formazione continua destinato in particolar modo ai capi cantiere che operano sull’edilizia storica.

Il progetto rende disponibili alla rete nazionale delle scuole edili Formedil risorse didattiche e metodologiche per lo sviluppo di una strategia di formazione continua rivolta ai capi cantiere che lavorano nell’ambito del recupero del patrimonio architettonico.

I materiali sono stati elaborati nell’ambito di precedenti progetti Leonardo da Vinci, con la regia della Fondazione Europea dei Mestieri del Patrimonio del Consiglio d’Europa FEMP, in collaborazione con organismi di formazione di settore di Francia, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna, con il supporto di alcune scuole edili della rete italiana specializzate nel campo del recupero.

Il percorso, così valicato e sperimentato, è assunto come riferimento per la formazione della figura professionale di Capocantiere dell’Edilizia Storica.

Per visionare e scaricare il materiale relativo al progetto clicca qui


 
 
 
 
 

powered by YoYo comunicazione