Vengono da Frosinone e Venezia i migliori muratori d’Italia, classificatisi al primo posto nella sesta edizione della sfida nazionale di Ediltrophy 2013, la gara di arte muraria organizzata dal Formedil (Ente nazionale per la formazione e l’addestramento professionale nell’edilizia), con il patrocinio di CNCE (Commissione Nazionale Paritetica per le Casse Edili) e CNCPT (Commissione Nazionale per la Prevenzione Infortuni) e in collaborazione con il Saie (il Salone Internazionale dell’ Industrializzazione Edilizia) e con Iiple (Scuola Edile di Bologna). Un importante riconoscimento è stato inoltre conseguito con i patrocini di INAIL (Istituto Nazionale per l’ Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) e del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati.

La cerimonia di premiazione di Ediltrophy 2013

La finale nazionale, tenutasi sabato 19 ottobre in fiera, ha visto prevalere per la categoria “junior” i giovani concorrenti dell’Ente Scuola Edile di Frosinone Luigi Quattrociocchi e Lucio Fontana che hanno ottenuto il punteggio di valutazione più alto di tutte le squadre in gara sia Senior che Junior.

Per la categoria “Senior” il primo posto in classifica è andato alla coppia composta da Ionut Traian Gutu Awal Muhammed originari rispettivamente di Romania e Ghana e selezionati dalla Scuola Edile di Venezia.

Per la categoria Junior sono risultati secondi i fratelli Cristian Marcel Bogdan Popa, della Scuola Edile Lucchese, e terzi Simone Marroccu e Andrei Robert Tampu, dell’Ente Scuola Cipe-T Torino.

Mentre per la categoria senior il secondo posto è andato ad Alfio Merlo Pietro Pomellitto, della Scuola Edile Novarese, davanti a Marcello Riccioli Orazio Puglisi, dell’Ente Scuola Edile Catania, che hanno ricevuto il terzo premio.

Il premio speciale dedicato alla qualità e la sicurezza sul lavoro è andato a pari merito alla squadra senior composta dai fratelli Giusto e Michele Levantino, vincitori delle selezioni regionali della Toscana e provenienti dall’Ente Pisano Scuola Edile e agli allievi junior del Centro di Formazione Maestranze Edili di Napoli, Luigi Melillo e Michele De Cicco.

Un premio di partecipazione è andato inoltre a tutte le altre squadre concorrenti, comunque distintesi presso i propri territori di provenienza aggiudicandosi il titolo di Campione Regionale. Squadre che hanno partecipato, per la categoria Senior, in rappresentanza delle Scuole Edili di Potenza, Reggio Calabria, Napoli, Modena, Udine, Roma, Novara, Foggia, Sassari, Catania, Pisa, Perugia e Venezia. Inoltre, per la categoria Junior, In rappresentanza delle Scuole Edili Catanzaro, Napoli, Forlì Cesena, Trieste, Frosinone, Imperia, Como, Torino, Brindisi, Lucca e Verona per la categoria Junior.

Infine, un grazie speciale a tutte le Squadre che hanno permesso la realizzazione di Ediltrophy 2013.

A garanzia di imparzialità e affidabilità dei risultati di gara una giuria di qualità ed autorevolezza di risonanza nazionale composta dall’ Ing. Massimo Mariani in rappresentanza del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, dall’ Arch. Federica Benatticell del Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, dal Geom. Ezio Piantedosi del Consiglio Nazionale Geometri, dal Geom. Claudio Malossi in rappresentanza di Bologna Fiere. Inoltre, dall’ Arch. Alberto Pedrazzoli, veterano di Ediltrophy, che ha coordinato i lavori di giuria per conto del sistema Formedil/Scuole Edili.

I vincitori sono stati premiati dal presidente dell’ Iiple di Bologna Antonio Mazza, dal segretario del Consiglio Nazionale Geometri Enrico Rispoli, inoltre, in rappresentanza del Formedil Nazionale dal Presidente Massimo Calzoni, dal Vicepresidente Piero Leonesio e dal Direttore Giovanni Carapella, Infineper Bologna Fiere, dal Project Manager Luana Patricelli e dal Presidente Duccio Campagnoli. Il Presidente Campagnoli ha sottolineato l’importanza della collaborazione Saie-Formedil ricordando “il contributo fondamentale che la manifestazione offre da 6 anni al Salone e al comparto, accendendo i riflettori sulla qualità del buon costruire e in sicurezza”.

L’iniziativa ha messo alla prova i concorrenti nella realizzazione “a regola d’arte”di una muratura antisismica ad alta efficienza energetica con uso di laterizi, composta da blocchi di muratura armata e faccia vista. Un manufatto che ha consentito di evidenziare il lavoro svolto dal sistema delle 104 Scuole edili coordinate dal Formedil nella promozione di un’edilizia sicura, verde e capace di garantire edifici stabili e resistenti. L’edizione 2013 di Ediltrophy è stata dedicata infatti non solo alla sicurezza sul lavoro – tema da sempre al centro della manifestazione – ma anche la tutela dell’ambiente e del territorio.

Ad affrontarsi sono stati 46 operai italiani e stranieri di età compresa tra 16 e 61 anni, divisi i 10 squadre junior, composte da giovani apprendisti o giovanissimi allievi, e 13 coppie di mastri senior. Si tratta dei vincitori delle selezioni regionali, che hanno superato le gare svoltesi in 14 città coinvolgendo 120 di operai e apprendisti di 15 regioni e 69 province. Tutti i muratori hanno lavorato alacremente per 5 ore, mettendo in campo esperienza, abilità e qualità del lavoro, di fronte ad un pubblico incuriosito.

Per la prima volta quest’anno ha partecipato alla finale anche una donna. Si tratta di una sedicenne ucraina allieva della Scuola Edile di Imperia. Nelle selezioni della Liguria, si è classificata prima nella categoria junior in squadra con un ragazzo turco, realizzando un rivestimento in mosaico ceramico raffigurante scene di ambiente marino, successivamente donato al Comune di Genova.

Anche questa edizione di Ediltrophy è stata un successo“, ha affermato il Presidente del FormedilMassimo Calzoni. “Centinaia di persone hanno seguito con partecipazione la gara, dando suggerimenti e registrando un intenso coinvolgimento. L’edilizia mantiene forte il suo valore di “arte del fare” dietro la quale si celano conoscenze e pratiche che richiedono studio ed esperienza. Valori questi che vanno salvaguardati con una formazione continua e di eccellenza in grado di assicurare professionalità e mestiere. Le scuole edili coordinate dal Formedil sono una risorsa preziosa del nostro sistema industriale ed educativo. Con Ediltrophy vogliamo farlo conoscere e apprezzare, nella consapevolezza che oggi, in tempi di forte cambiamento del processo di costruzione, la formazione assume una funzione fondamentale“.

“È in momenti come questi – ha aggiunto il vicepresidente del Formedil Piero Leonesio – che un sistema formativo affidabile e capillare come il nostro consente di mantenere competenze e consentire in futuro il reinserimento nel mercato del lavoro di lavoratori oggi in mobilità o licenziati. Con Ediltrophy, che potremmo definire un “gioco professionale”, vogliamo ogni anno portare all’attenzione del nostro mondo e dei media la rilevanza del lavoro in un settore in forte crisi, ma che conserva una funzione sociale centrale e che oggi ha bisogno di rinnovarsi sotto diversi aspetti, dalla conoscenza delle nuove soluzioni costruttive a una sempre maggiore cultura della sicurezza“.

La manifestazione è stata organizzata in partnership con ANDIL, l’Associazione Nazionale degli Industriali dei Laterizi, e con le principali aziende ad essa associate (Ibl, Danesi, Cotto Cusimano, Fbm, Fornaci di Manzano, S. Anselmo, Laterizi San Grato, San Marco), che hanno messo a disposizione i laterizi necessari sia per le selezioni regionali che per la finale nazionale, e Grigolin, che ha messo a disposizione le malte per la finale nazionale.

Un’edizione 2013 che ha rappresentato un successo per l’intero sistema delle costruzioni Formedil, CNCE e CNCPT.

La squadra dei partecipanti ad Ediltrophy 2013 – finale nazionale

 

Scarica il manifesto
Scarica il calendario delle gare
Scarica la rassegna stampa

 

Con il patrocinio
inail

 

Per ascoltare  l’intervista a Olena la ragazza della Scuola Edile di Imperia, unica ragazza a partecipare ad Ediltrophy 2013 durante la trasmissione Caterpillar (RAi Radio Due) clicca qui 

Sfoglia l’albo

La finale

 

 

 

 
 
 

powered by YoYo comunicazione